Home Profilo
Aziendale
Real
Estate
Private
Equity
Renewable
Energy
Sign in Login
English version Italian version     
 
  Visualizza tutte le news
  Real Estate
  Private Equity
  Renewable Energy

Sunday 05 March 2017 alle ore 12:00:16
Categoria: Private Equity
La finanza a impatto sociale arriverà a 3 miliardi nel 2020
Fino a tre miliardi di euro al 2020. Tanto è destinata crescere in Italia la dimensione di asset gestiti nell’impact investing, l’approccio che sposa il ritorno finanziario con un impatto sociale misurabile. Nata per cogliere le sfide della sostenibilità, la finanza a impatto sociale ha conquistato big come Ubs, Merrill Lynch e Deutsche Bank, che hanno lanciato i primi impact fund. Seguiti dai governi, primi tra tutti la Gran Bretagna e gli Stati Uniti che nel 2011 hanno sperimentato i social impact bond per il reinserimento sociale degli ex-detenuti delle carceri. «L’impact investing ha attratto interesse anche perché riduce il rischio nel portafoglio degli investimenti. Si calcola che per esempio, negli ultimi anni di volatilità, la microfinanza abbia garantito un rendimento medio del 3,6% annuo» ha detto Julia Balandina Jaquier, consulente di famiglie con grandi patrimoni, intervenuta alla finale italiana della Global Social Venture Competition, organizzata da Intesa Sanpaolo Startup Initiative/Altis Cattolica e vinta da Atlas (biocida basato su moleca naturale non tossica) e D-Heart (elettrocardiografo tascabile).
Saturday 04 March 2017 alle ore 16:00:44
Categoria: Private Equity
I negozi Coin nel mirino dei fondi esteri
Fonti autorevoli escludono un closing immediato ma non smentiscono il closing. Potrebbe essere, dunque, questione di tempo. Forse pochi mesi. Coin (che conta oggi 40 departement store e fattura 400 milioni) è controllata al 100% da Icon Spa all’80,5% di Bc partners, al 4,5% da Investindustrial di Bonomi e al 13% da Ontario Teachers. La Spa controlla anche il 42,11% della quotata Ovs e il 100% del brand Excelsior (con negozi a Milano, Roma e Venezia) e il 29,75% della svizzera Vogele. Questo è oggi il Gruppo Coin.
Monday 27 February 2017 alle ore 12:00:35
Categoria: Renewable Energy
Il biogas piace all’Italia.
Il settore vale 2,4 miliardi di metri cubi l’anno: è la quarta produttrice al mondo. Il mondo ha fame di energia, e le vecchie fonti non possono viaggiare accanto all’evoluzione umana ancora per troppo tempo. I colossi petroliferi, sebbene stiano investendo sempre più capitali nella ricerca di fonti energetiche pulite e redditizie, sono ancora troppo legati ai lauti guadagni per lasciarsi alle spalle queste fonti altamente inquinanti. In Italia, nonostante tutto, c’è chi già punta a fotovoltaico, solare termico, eolico e biogas e lo fa in modo serio. Il nostro Paese vanta al momento una potenza elettrica installata di circa 1.200 Megawatt (MW), pari a una produzione di 2,4 miliardi di metri cubi di gas naturale l’anno. Un dato importante che porta l’Italia tra i primi produttori al mondo. Il nostro Paese è "uno dei principali produttori di biogas in agricoltura; quarta al mondo dopo Germania, Cina e Stati Uniti", viene spiegato nel corso dell’evento annuale del Consorzio italiano biogas (Cib) intitolato “L’alba di una rivoluzione agricola” e tenutosi a Roma.
  Pagine totali: 36
[ 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 ]  
pagina: 1
 

Sei interessato a proporre immobili e/o aziende italiane?

Inoltra la richiesta

Sei interessato a investire in immobili e/o aziende italiane?

Inoltra la richiesta

Leggi le ultime notizie

Vai alla sezione FAQ per conoscere i servizi offerti.

FAQ





Contattaci | Privacy | Mappa del sito | Credits

HomepageAggiungi ai preferitiMappa e guida del sitoContatti